APPELLO INTERNAZIONALE A BAN KI-MOON CONTRO LA CENSURA IN TUNISIA

| 27 gennaio 2007 |



Il dittatore tunisino Ben Alì

Costituita una commissione internazionale di gruppi e associazioni in difesa della libertà di espressione – La lettera al nuovo Segretario generale dell’ Onu

———-

Una coalizione internazioni di gruppi e associazioni che si battono per la difesa della libertà di espressione lancia un appello al nuovo segretario generale dell’ Onu, Ban Ki-Moon, di ricordare alla Tunisia, nel quadro del diritto internazionale, i suoi obblighi di rispetto della libertà di espressione e di tutti gli altri diritti dell’ uomo.

Secondo il gruppo dell’ Ifex incaricato di seguire la situazione in Tunisia (TMG-IFEX), pù di un anno dopo che la Tunisia ha spitato il Summit mondiale slla società dell’ informazione (WSIS), patrocinato dalle Nazioni Unite, la situazione della libera espressione è cattiva, se non peggiore di quella che si registrava nel novembre 2005, in occasione della Conferenza.

« La Tunisia, dopo la sua elezione a titolo di membro del Consiglio dell’ Onu sui diritti della persona, ha l’ obbligo di rispettare i suoi impegni internazionali nel campo della libertà di espressione’’, sostengono i membrimdel TMG-Ifex in una lettera a Ban.

L’ ex Segretario generale Kofi Annan, aveva affermato che il fatto che la Tunisia ospitasse il WSIS « offriva al governo del paese una buona occasione per cancellare le tante preoccupazioni relative ai diritti dell’ uomo, compresi quelli legati alla libertà di parola e di espressione. »

La Tunisia si era attirata le critiche internazionali perché aveva impedito ai militanti della società civile di esprimere punti di vista critici sul governo durante la conferenza.

A 14 mesi dal WSIS un gran numero di scrittori, giornalisti e militanti dei diritti della persona continuano ad essere perseguitati dalle autorità, soprattutto Sihem Bensédrine, Naziha Rjiba, Moncef Marzouki, Lotfi Hajji e Abdallah Zouari.

Il TMG-IFEX chiede inoltre la liberazione immediata dello scrittore e avvocato Mohammed Abbou, che sta scontando una pena di tre anni e mezzo di reclusione per aver criticato il presidente Ben Ali in un articolo pubblicato su Internet.

Consultare:
Lettera a Ban Ki-Moon .
Ifex-Tmg
Allarmi Ifex sulla Tunisia

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.