UN AGGREGATORE DI NEWS CON UN MOTORE ‘’UMANO’’

| 21 dicembre 2006 |

Giornalisti professionali e una rete di volontari alla base di DailySource.org, un nuovo esperimento di interazione permanente per una informazione di qualità nato negli Stati Uniti – Andare oltre ‘’Google news’’ e i suoi automi-algoritmi

————————

Persone in carne e ossa possono fare un ‘’Google news’’ meglio delle sole macchine?
Sì, secondo Peter Dunn, fondatore di DailySource.org , un sito web che punta a scegliere e fornire servizi e notizie di alta qualità messe in rete dalle centinaia di fonti internet.

Lo segnala Amy Gahran su Poynter.org , spiegando che DailySource è una organizzazione non-profit che si dichiara ‘’impegnata a fornire ai lettori le informazioni di cui essi hanno bisogno per poter prendere delle decisioni serie su chi appoggiare politicamente, a prendere una piena coscienza di che cosa accade nel mondo, a trovare occasioni di impegno spirituale e culturale e a scegliere come spendere meglio i propri soldi e come godere di una migliore salute’’.

Il sito si basa sul lavoro di quattro o cinque redattori professionisti che navigano in internet per cercare le storie migliori e pubblicarle sul sito.

Ma – e questa è la cosa più interessante – Dunn utilizza un ampio gruppo di giornalisti e di lettori volontari in appoggio alla redazione. Così, racconta Gahran, ‘’appena qualcuno ha finito di mettere in pagina un testo o una foto, qualcuno dei lettori volontari la vede e ci dice quello che ne pensa’’.

Sulla home page ci sono una serie di link per i contatti immediati che consentono di consigliare un articolo, oppure di esprimere suggerimenti, dubbi, perplessità, critiche sulle notizie e i servizi via via pubblicati in una interazione continua e profonda.

Tutto questo consente anche una progressiva personalizzazione del sito e del rapporto con i singoli partecipanti alla comunità, mandando determinate notizie alle persone a seconda dei loro rispettivi interessi. E il tutto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. E senza pubblicità.

Si tratta, spiega Gahran, di un esperimento interessante di integrazione fra giornalisti professionali e giornalisti cittadini che lavorano insieme al sito sulla base anche degli input di lettori e volontari.

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.