RISOLUZIONE IFJ ALL’ ONU PER LA SICUREZZA DEI GIORNALISTI

| 30 gennaio 2006 |

Centocinquanta operatori dei media uccisi nel 2005 – Il Rapporto dell’ Ifj denuncia la cultura dell’ indifferenza e dell’ impunità .

Una risoluzione sulla sicurezza dei giornalisti è stata presentata ai membri del consiglio di sicurezza dell’ Onu dalla Federazione internazionale dei giornalisti. La risoluzione – (qui) – chiede di assegnare al Segretario generale il mandato di seguire e sostenere gli sforzi dei governi per assicurare alla giustizia i responsabili delle uccisioni dei giornalisti.

L’ obbiettivo dell’ iniziativa è vincere ”la cultura della negligenza e dell’ indifferenza che circonda le uccisioni di giornalisti nel mondo” e che, aggiunge l’ Ifj nel suo Rapporto di fine d’ anno, ”rende più pericoloso che mai per la stampa fare il proprio mestiere”.

Nel 2005 sono stati 150 i giornalisti e lavoratori dell’ informazione uccisi nel mondo. Si tratta di un record, rileva l’ Idj che sollecita un’ azione internazionale che metta fine all’ impunità.
I paesi più pericolosi per i giornalisti restano l’ Iraq, con 35 morti, le Filippine (10 morti) e la Colombia, il Messico e Haiti, dove sono stati registrati 9 omicidi .

Ottantanove dei 150 giornalisti e lavoratori dei media uccisi nel 2005 sono stati ammazzati nell’ esercizio della loro funzione, moltissimi di loro da parte di organizzazioni politiche o criminali. Sessantuno sono morti per incidenti o disastri verificatisi mentre erano in missione, fra cui le 48 persone morte nello schianto di un aereo a Theran, in Iran. Secondo l’ Ifj in più del 90% dei casi relativi all’ uccisione di un giornalista non ci sono indagini serie da parte delle autorità e solo un pugno di assassini sono stati perseguiti. Tra i fattori che contribuiscono all’ impunità il Rapporto segnala la corruzione poliziesca, l’ incompetenza dei tribunali e e l’ indifferenza politica.

Il rapporto integrale è qui .

Leggi anche:

  • 2006 ANNO DURISSIMO PER LA STAMPA - Record anche per i rapimenti: 56 in 12 paesi - Iran: Article 19 lancia una campgna contro la censura in Internet - Undici associazioni chiedono giustizia per Anna Politkovskaia - Un […]
  • Link e segnalazioni (11-17/01/10) La redazione? E' all'università Il NYTimes ne prova un'altra: affida agli studenti di giornalismo la gestione di una sezione del proprio sito […]
  • COSTITUITO IN IRAQ UN COMITATO PER LA PROTEZIONE DEI GIORNALISTI

    La guerra irachena è il conflitto più sanguinoso per i giornalisti dopo la seconda guerra mondiale – Sono 68 i morti e 36 i giornalisti rapiti in tre anni Dopo l’ uccisione, alcuni […]
  • IFEX: ULTIME DAL MONDO Vignette sataniche: appello per la liberazione di sei giornalisti detenuti - Colombia: il vicepresidente annuncia la creazione di un gruppo di lavoro per indagare sulle uccisioni dei […]
  • LA MATTANZA IRAQ – PER ORA SOLO ALGERIA PEGGIORE Solo la guerra civile in Algeria ha fatto più morti fra i giornalisti di quanti ne conti finora la guerra in Iraq: 58 contro 56. E’ la contabilità realizzata dal Cpj (Committe to protect […]

I commenti sono chiusi.