L’ AMMINISTRAZIONE BUSH E LA GUERRA D’ INFORMAZIONE

| 22 gennaio 2006 |

‘’L’amministrazione Bush ha autorizzato massicce

operazioni illegali di spionaggio ed è impegnata attivamente

nell’inserire storie pro America nella stampa straniera. Ciò

suggerisce che la strategia globale che l’amministrazione ha

nella gestione delle informazioni è ben più estesa di quanto

si immaginasse in origine’’. A questa strategia è dedicato un

ampio articolo che Mike Whitney ha scritto per Z-net e che è

stato ora pubblicato in italiano su Zmag.org.

‘’La manipolazione delle notizie e delle informazioni – spiega

Whitney* – è in prima linea nella guerra di Bush contro il

terrore, una strategia completa avente il fine di controllare

ogni singolo pezzo di informazione che i cittadini ascoltano,

guardano o leggono, dalla culla alla tomba. È una guerra

dell’informazione a una scala tale che stupirebbe George

Orwell.

È solo in questo contesto che possiamo renderci conto di come

le minacce di Bush di bombardare Al Jazeera sono del tutto in

linea con l’approccio generale dell’amministrazione.

Controllare l’informazione è visto come una necessità militare

e coloro i quali propongono una versione alternativa dei fatti

sono nemici giurati di Washington. In questo senso possiamo

capire come Al Jazeera dovrebbe essere distrutta per preparare

la strada a una più grande democrazia’’.
(il testo integrale dell’ articolo è qui) .

– – – – – – – –

*Mike Whitney è un giornalista e attivista radicale, vive a

Washington. Di lui si può vedere anche questo articolo su dissidentvoice.org .

Leggi anche:

I commenti sono chiusi.