INFORMAZIONE ONLINE: CONTANO PIU’ I SAPERI GIORNALISTICI DI QUELLI TECNOLOGICI

| 4 novembre 2006 |


Uno studio della Medill Schol of Journalism sulle capacità essenziali per i giornalisti e i manager dell’ informazione sul web

———

Le capacità essenziali nel lavoro redazionale online non sono quelle direttamente collegate alla padronanza della tecnologia, ma si riferiscono soprattutto all’ attenzione ai dettagli, al giudizio sulle notizie, alla grammatica e allo stile, all’ abilità nel comunicare e nel lavorare sotto pressione.

Lo ha messo in rilievo – annuncia Poynter online – uno studio condotto da C. Max Magee alla Medill School of Journalism attraverso un questionario compilato da più di 400 persone che lavorano nell’ informazione online.
In particolare è stato chiesto ai manager quali esperienze e saperi cercano nei candidati, mentre agli addetti alla produzione informativa è stato chiesto quali capacità essi usano maggiormente nel loro lavoro.

Oltre ai dati già citati, la ricerca ha messo in rilievo che:
• Meno della metà dei giornalisti e dei manager interpellati hanno detto che trovare e scrivere delle storie orignali faceva parte delle aspettative di lavoro nelle redazioni
• Html, Photoshop, l’ uso di sistemi di gestione dei contenuti e la Web usabilità sono gli strumenti e le tecnologie più importanti per i lavoratori delle redazioni online.

Quello di cui le redazioni online hanno bisogno, commenta Rich Gordon su Poynter online, sono persone che sanno giudicare le notizie, scriverle, confezionarle e presentarle bene in pagina. Naturalmente il modo con cui queste funzioni vengono svolte sono diverse nell’ online rispetto al lavoro nei giornali cartacei.

Ma – aggiunge Gordon –

‘’io penso che a un buon redattore (copy editor) del cartaceo sia necessario molto meno tempo per diventare un buon redattore online. Dato che molto del lavoro giornalistico online non richiede attività di reporting originale, i redattori (copy editor) dovrebbero essere molto più interessati a queste funzioni di quanto non lo siano i cronisti.

Con le sfide che deve affrontare l’ industria dei quotidiani a stampa, se io lavorassi ora come redattore di un giornale cartaceo, avrei cercato di imparare le nuove tecniche specifiche di cui c’ è bisogno per l’ online. E se stessi insegnando in una scuola di giornalismo molto centrata sul copy editing (Medill è più orientate verso il reporting), farei di tutto per aggiornare il curriculum di preparazione dei redattori online’’.

Leggi anche:

  • L’ E-PAPER DIVENTA REALTA’ In aprile parte in Germania la produzione di massa di e-paper, la ‘’carta’’ elettronica che dovrebbe costituire un nuovo supporto ai quotidiani – L’ annuncio di un’ azienda inglese – […]
  • Giornalisti attenti! Ecco come proteggere i segreti digitali Giornalisti attenti. Alzate la guardia e imparate a proteggervi. In un articolo sul suo blog Pino Bruno dà una serie di consigli sulla protezione dei materiali digitali che i giornalisti […]
  • AL JAZEERA ENGLISH SUPERA I 100 MILIONI DI CASE COLLEGATE Le difficoltà della rete a penetrare negli Usa, per cui è allo studio un programma specifico ------------------- Al Jazeera ha annunciato che a un anno dal lancio, il suo canale […]
  • CARTA DI TREVISO: AVVIATA LA REVISIONE Un gruppo di lavoro ha cominciato a riscrivere il codice deontologico sui rapporti giornalismo-minori A quindici anni dall'approvazione della Carta di Treviso, sarà  riscritto il codice […]
  • I numeri della sanità #digit16 I dati che riguardano la salute (e l'ambiente) molto spesso non sono facilmente accessibili e se lo sono spesso risultano incompleti. Solo attraverso il lavoro di un giornalista e le […]

I commenti sono chiusi.