IL PARLEMENTO EUROPEO DENUNCIA LE AZIENDE CHE CONTRIBUISCONO ALLA CENSURA DI INTERNET

| 15 luglio 2006 |

Il Parlamento europeo ha aggiunto la sua voce al coro di critiche contro il comportamento di quelle societŕ che favoriscono i regimi autoritari impegnati nella censura di Internet. In una risoluzione approvata il 6 luglio scorso il Parlamento chiede alla Commissione europea di delineare un codice volontario di condotta ‘’che limiti le attivitŕ delle aziende nei paesi repressivi’’.

I parlamentari hanno inoltre sollecitato la Commissione a ‘’tener conto, nella fase di preparazione di programme di aiuto UE nei paesi terzi, della necessitŕ di un accesso senza ostacoli a internet per i cittadini di quei paesi’’.

La risoluzione menziona in particolare le societŕ americane Yahoo, Google e Microsoft, accusate di aver permesso alle autoritŕ cinesi di censurare i loro motori di ricerca e i programmi di blog in Cina. Essa critica anche la Cisco Systems per aver fornito le sue tecnologie a paesi che censurano Internet, cosě come Telecom Italia e Wanadoo, filiale di Telecom France, per aver collaborato con la Tunisia e Cuba nel blocco di alcuni siti web.

La risoluzione menziona 15 paesi noti in  particolare per la censura del web:  Arabia saudita, Bielorussia, Birmania, Cina, Corea del nord, Cuba, Iran, Libia, Maldive, Nepal, Uzbekistan, Siria, Tunisia, Turkmenistan e Vietnam.

Consultare:
– RSF : http://www.rsf.org/article.php3?id_article=18223
– Risoluzione del Parlemento europeo: http://tinyurl.com/zcavz
– Iniziativa OpenNet : http://www.opennetinitiative.net/
– Audizioni del Congresso Usa sulla censura in Internet in Cina: http://boss.streamos.com/real/hir/56_af021506.smi

I commenti sono chiusi.