I GRANDI GRUPPI MEDIA EUROPEI POCO GLOBALI E POCO DIVERSIFICATI

| 23 marzo 2006 |




Una ricerca di e-media institute – La Fininvest primo gruppo italiano, al nono posto della classifica dei maggiori gruppi media europei —————–



Internazionalizzazione e diversificazione dei Grandi Gruppi Media europei sono ancora limitate. Considerando un campione di 50 grandi imprese editoriali (le prime 10 per Paese nei 5UE) si notano, con le dovute significative eccezioni, assetti tendenzialmente monomediali e mononazionali. Lo rileva una ricerca di e-media institute.


Gli assetti mononazionali – precisa la ricerca – caratterizzano fortemente gli operatori di televisione generalista che si muovono in genere entro i confini dei mercati nazionali. I gruppi italiani e spagnoli si caratterizzano per una dimensione limitata rispetto alla media europea e per una scarsa internazionalizzazione. Fanno eccezione De Agostini, Fininvest, RCS e Seat PG.


Per quanto riguarda le dimensioni, e-media institute pubblica la classifica dei primi 20 gruppi europei. Complessivamente avevano registrato nel 2004 un fatturato di 100 miliardi di euro, di cui circa tre quarti erano stati realizzati dai primi 10 gruppi.


Il primo gruppo italiano per dimensioni è Fininvest (nono posto, con 5,375 miliardi di euro), seguito da Rai (12° posto, 2,992) e da Rcs (17) e De Agostini (20).



Qui la classifica.

I commenti sono chiusi.