AL JAZEERA INTERNATIONAL COMPLETA LA SUA RETE REDAZIONALE

| 12 ottobre 2006 |

Le trasmissioni dovrebbero cominciare entro la fine dell’ anno – Una ventina di uffici di corrispondenza in tutto il mondo si affiancheranno al lavoro delle redazioni centrali di Doha, Kuala Lumpur, Londra e Washington – Impegnati oltre 500 giornalisti di 40 nazionalità diverse – Più della metà dei corrispondenti ‘’nel sud del mondo, per equilibrare i flussi di informazione provenienti dal nord’’ – Intanto la Bbc lavora a un nuovo canale satellitare in lingua araba




Documento senza titolo

————————————-

Al Jazeera ha completato l’ organizzazione delle sue strutture redazionali nelle vaie aree del mondo in vista del lancio delle tramissioni di Al Jazeera International, il canale all news in lingua inglese che dovrebbe partire alla fine dell’ anno.

Complessivamente l’ emittente del Qatarmetter in campo n una forza lavoro che difficilmente altre testate potranno mettere in campo: 500 giornalisti di oltre 40 nazionalita’ diverse.

Insieme alle quattro sedi centrali – situate strategicamente a Doha, Kuala Lumpur, Londra e Washington -, Al Jazeera International si avvarr di una ventina di redazioni, che raccoglieranno e produrranno informazione sul campo, e di una serie di noti ed esperti corrispondenti internazionali.

Il canale in lingua arabo e Al Jazeera International avranno quindi pi di 60 redazioni in tutto il mondo, la maggior parte delle quail nell’ emisfero sud del pianeta, assicurando cos – ha rilevato dal quartiere generale di Doha il direttore generale dell’ emittente, Omar Bec – un equilibrio delle informazioni provenienti dal nord e dal sud del mondo. ‘’In particolare – ha aggiunto – saremo il punto di riferimento per il Medio Oriente e l’ Africa’’.

‘’Nei prossimi mesi – ha detto ancora Bec – aggiungeremo alla rete nuovi uffici di corrispondenza in Sud America e nel Corno d’ Africa’’.

L’emittente del Qatar si e’ gia’ accaparrata alcuni grossi nomi del mondo dell’informazione, come Sir David Frost, rubato
proprio alla concorrente Bbc, che sara’ titolare di un programma
di approfondimento. Dalla Bbc sono migrati verso il nuovo
progetto anche Stephen Cole, Rageh Omaar, corrispondente
dall’Africa per l’emittente britannica, e Shahnaz Pakravan. Tra
i nomi di punta del nuovo canale allnews di Al-Jazeera aveva
fatto notizia, qualche mese fa, l’assunzione dell’italiana
Barbara Serra, ex volto di Sky News.

Intanto la Bbc ha annunciato che inaugurera’ nell’autunno del 2007 il suo nuovo canale satellitare in arabo rivolto ai Paesi mediorientali e agli
immigrati musulmani in Europa.

Nelle settimane scorse la compagnia britannica ha iniziato le assunzioni di nuovi giornalisti di lingua araba. La sede di Bbc Arabic Tv sara’ a Londra e la redazione accorpera’ quelle gia’ esistenti della
radio Fm in arabo, che trasmette da quasi 70 anni, e del sito
Internet: lo stesso staff produrra’ notizie per i tre mezzi,
puntando a creare un network multimediale.

Complessivamente l’ iniziativa ha dsposizione un investimento di 28 milioni di euro all’anno.

Qualche mese fa e’ stato nominato News Editor della rete il
giornalista Salah Negm, di passaporto olandese ma egiziano di
origine, che in passato ha lavorato per Mbc, Al-Arabiyya, e la
stessa Al-Jazeera. ”Il nuovo canale – ha detto Negm – manterra’
saldi i principi fondamentali della Bbc: accuratezza e
indipendenza editoriale, cercando di avere una visione
equilibrata e obiettiva dei fatti”.
Inizialmente il nuovo canale satellitare trasmettera’,
gratuitamente, per dodici ore al giorno. Il resto della giornata
saranno trasmesse news e informazioni soltanto nei formati audio
e testuale. Il costo operativo della nuova rete sara’ di 28
milioni di euro all’anno e sara’ coperto interamente con fondi
statali.


I commenti sono chiusi.