«BUONE NOTIZIE PER LE NOTIZIE»

| 17 agosto 2006 |

Su FT un articolo di Eli Noam (Columbia University) traccia un quadro molto meno pessimistico del futuro dei quotidiani – ‘’L’ età d’ oro è di fronte, non alle spalle’’





Documento senza titolo

————————–
Dopo l’articolo apparso l’estate scorsa sul «Financial Time» dal titolo «Cattive notizie per le notizie», che ha causato scompiglio nell’industria editoriale, e la discussione al tredicesimo World Editors Forum a Mosca, Eli Noam, professore della Columbia University ha scritto un altro editoriale per il famoso giornale britannico: questa volta però il titolo è decisamente più ottimista.
Questa estate, Noam  proclama «Buone notizie per le notizie». Questi i punti più salienti dell’analisi.

  1. la crescita dei lettori in Rete non compensa le perdite dei lettori della carta stampata
  2. l’editoria digitale offre ai giornali una doppia opportunità: la possibilità di differenziare il loro prodotto e di diventare più efficienti, un processo che potrà alla fine trasformare l’economia dell’informazione.
  3. l’enorme quantità di informazione di cui i giornali avranno bisogno per soddisfare la domanda di contenuti personalizzati porteranno alla costruzione di “giornali come reti”, ovvero di un sistema di due livelli: “provider di contenuti specializzati” e portali i informazione.
  4. I grandi gruppi editoriali saranno necessari per filtrare il flusso dell’informazione e dare ai lettori quello che vogliono

 

Noam conclude che l’età d’oro delle organizzazioni dell’informazione è “di fronte, non alle spalle”, perché adesso hanno l’opportunità di sviluppare prodotti multimediali e “nuove strutture industriali dell’informazione”.

Messo a confronto con l’articolo del luglio 2005 il nuovo, seppure scritto con un tono più ottimista, esprime concetti simili, se non uguali.

In «Cattive notizie per le notizie» Noam parla di due «archetipi di notizie»; «provider di contenuti specializzati» e «integratori semi-virtuali», essenzialmente la stessa idea dei portali dell’ultimo articolo. I entrambi i pezzi spiega come le notizie locali saranno la peculiarità di ogni giornale. E in entrambi enfatizza la distruzione  economica che Internet ha  compiuto sulle industrie editoriali.

Ma il fatto che molto di quanto Noam ha scritto un anno fa sia uguale a quello che scrive oggi non deve spaventare i giornali. Potrebbe addirittura confortarli.

I giornali stanno sperimentando quello che è probabilmente il periodo più turbolento della loro storia, nel corso del quale sono state molte le profezie. Man mano che la matassa della rivoluzione digitale si dipana, quelle previsioni diventano sempre più consolidate. Molti saggi annunciano scenari simili. Gli studi di questi analisti dovrebbero guidare i giornali a trasformarsi nelle organizzazioni multimediali di domani.

(traduzione di Maria Itri)
da editorsweblog: http://www.editorsweblog.org/print_newspapers/2006/06/post.php

 


Leggi anche:

I commenti sono chiusi.