AZERBAIDJAN: CRESCONO ATTACCHI AI GIORNALISTI IN VISTA DELLE ELEZIONI DEL 6 NOVEMBRE

| 20 ottobre 2005 |

Cresce il clima di tensione in Azerbaidjan in vista delle elezioni parlamentari del 6 novembre. C’ è preoccupazione anche sul fronte dell’ informazione e alcune associazioni che fanno capo a Ifex – la rete canadese che raccoglie e distribuisce tutti gli allarmi e le denunce delle associazioni per la libertà di stampa – hanno denunciato in questi giorni ripetuti attacchi della polizia contro i giornalisti e i militanti delle associazioni che tutelano i diritti civili.

Secondo Reporters sans frontières , 14 giornalisti sono stati malmenati dalla polizia il 9 ottobre scorso nel corso di una manifestazione, vietata, del gruppo di opposizione Azadlig, a Bakou.
Ramiz Nadjafli , caporedattore della rivista “Boz Gurd”, è stato pestato fino a perdere conoscenza e trasportato in ospedale con ferite alla testa. Anche il corrispondente del quotidiano “Ayna-Zerkalo” , Idrak Abbassov, è finito in ospedale dopo essere stato aggredito da diversi individui, tra i quali un poliziotto in borghese.

L’ associazione Article 19 racconta di altri sei episodi nel corso dei quali le autorità del paese hanno tentato di reprimere i dissidenti e di imbavagliare la stampa. Durante le riunioni dell’opposizione, tenute a Bakou il 1 ottobre e il 25 settembre, la polizia avrebbe aggredito e arrestato centinaia di manifestanti non violenti. Quattro giornalisti che seguivano l’evento sarebbero stati pestati a loro volta.
Il 30 settembre le autorità hanno chiuso l’ufficio regionale dell’ANS Broadcasting and Media Company a Shaki, invocando un errore burocratico. L’ANS è una delle rare emittenti del paese che assicura una copertura critica delle notizie e che ha dedicato spazio ai candidati dell’opposizione. Lo scopo dichiarato di ANS era di far arrivare nelle regioni più lontane del paese delle trasmissioni speciali sulle elezioni e di educazione per gli elettori.

Nel corso degli incidenti del 6 e dell’8 agosto, un edificio di Bakou che ospitava diversi media di opposizione, tra cui i giornali “Azadlig” e “Bizim Yol” e l’agenzia di stampa TURAN, è stato assaltato da un gruppo di persone tra cui poliziotti in borghese e membri dell’area giovanile del partito filogovernativo Yeni Azerbaïdjan Anche gli uffici della Confederazione dei giornalisti e del Fronte popolare d’Azerbaijan sono stati attaccati.

Secondo Human Rights Watch , questi episodi fanno dubitare delle reali intenzioni del governo di garantire elezioni parlamentari libere il prossimo 6 novembre. L’organizzazione sta spingendo presso i patner internazionali dell’ Azerbaïdjan, in particolare gli Stati Uniti e i paesi dell’Unione europea, perché condannino con forza questi attacchi e, nel caso dovessero protrarsi, minaccino di sospendere gli aiuti finanziari.

I commenti sono chiusi.