Per testimoniare gli orrori di una guerra non è reato mostrare immagini di teste mozzate

| 3 giugno 2004 |

Il giudizio dopo una denuncia per la divulgazione giornalistica della foto di un miliziano che stava esibendo come trofeo la testa tagliata ad un nemico durante il sanguinoso conflitto civile che da anni travaglia la Liberia Un provvedimento che ora si inserisce “a pennello” nel caso scoppiato dopo l’esposto del presidente dell’Odg lombardo presentato alla Procura della repubblica di Milano per la pubblicazione di immagini della decapitazione in Iraq di un ostaggio americano.

Print Friendly, PDF & Email

Leggi anche:

  • GIOVANI GIORNALISTI ARABI DANNO VITA A UN GRUPPO ANTICORRUZIONE Documento senza titolo Un gruppo di giovani scrittori e giornalisti arabi hanno costituito una nuova associazione impegnata nella realizzazione di un buon giornalismo per […]
  • FOTOGIORNALISMO: COME ‘TIME’ CURA I SUOI INVIATI Il fotogiornalismo di guerra descritto ed analizzato da Franco Pagetti, un fotografo italiano di rilevo internazionale, da tre anni inviato di TIME a Baghdad, in un incontro a Milano […]
  • 800 idee per l’Università di Padova. Entro il 6 maggio Nel 2022 l’Università di Padova compirà 800 anni. Per prepararsi a questo traguardo l’Ateneo patavino indice un concorso di idee aperto a tutti coloro che si sentono parte della sua storia […]
  • Il giornalista ibrido "Giornalismo Ibrido" è il titolo del nuovo saggio del sociologo Sergio Splendore, docente di Sociologia della Comunicazione all'Università degli Studi di Milano, e grande esperto di […]
  • IRAQ: STRINGER IN PRIMA LINEA Secondo il Comitato Internazionale per la Protezione dei Giornalisti (CPJ), le vittime tra i giornalisti iracheni che collaborano con testate internazionali sono il triplo di quelle tra […]

I commenti sono chiusi.